Icon

Sport e Benessere

PICCOLI SEGRETI PER ESSERE BELLA E DINAMICA. OGNI GIORNO DEL MESE.

Alimentazione

Scopri gli alimenti amici del caldo.

1 mese fa

Finalmente è arrivata l’estate e con lei lunghe giornate di sole, ma anche caldo e umido.

In questo periodo l’alimentazione può essere di grande aiuto per dare la giusta energia alle giornate e per alleviare la sensazione di afa; al contrario un’alimentazione inadeguata, caratterizzata da piatti troppo lavorati o pesanti, potrebbe aumentare la percezione delle alte temperature e della stanchezza.

In estate dovresti ridurre il consumo di alimenti preconfezionati e inscatolati, ricchi di sale e di conservanti, e preferire invece cibi freschi e minimamente lavorati. In questa stagione si suda molto, mangiando alimenti ricchi di sale o conservanti si ottiene un duplice effetto: inizialmente il corpo comincerà a ritenere più liquidi, causando una sensazione di gonfiore per mani e piedi. Successivamente, l’eccesso di sale stimolerà la sete e la sudorazione, facendoti sentire più fiacca e disidratata di prima.

La frutta e la verdura di stagione offrono il giusto reintegro di sali minerali, utile a migliorare gli effetti collaterali del grande caldo come pressione bassa, gambe pesanti, ritenzione idrica con gonfiore. A ulteriore supporto del tuo benessere, ti consigliamo di scegliere un integratore alimentare a base di magnesioche contribuirà a migliorare le condizioni di stanchezza e a ridurre alcuni fastidi tipici del periodo estivo, come pesantezza delle gambe e mal di testa.

Ci sono però delle regole da seguire! Alcune verdure di stagione potrebbero dare qualche problema digestivo, vediamone qualcuno insieme.

 

GIF1

I cetrioli possono dare pesantezza gastrica per via del ricco contenuto di cellulosa della loro buccia: sbucciandoli con un pelapatate ed eliminando i semini interni si risolve il problema. Ricorda che anche per i peperoni vale lo stesso suggerimento!

La buccia dei pomodori dà molto spesso problemi di allergenicità, che si manifesta con prurito e macchie sulla pelle. Se sei particolarmente sensibile, non dovresti consumare i pomodori crudi, ma solo dopo averli sbollentati e privati di buccia e semi.

Con il caldo hai notato cali di pressione? La liquirizia pura, magari come radice, è un buon rimedio naturale per contrastare capogiri, nausea e vertigini.

In giornate particolarmente calde sono utili anche spremute di limoni o pompelmi con l’aggiunta di un pizzico di sale marino grigio che, al contrario di quello bianco, contiene molti minerali utili a remineralizzare senza determinare una successiva perdita di liquidi.

In questa stagione scegli le erbe aromatiche al posto delle spezie: le prime sono ricche di antiossidanti, le seconde causano un aumento della temperatura corporea a seguito della loro metabolizzazione.

Evita preparazioni che prevedono lunghe cotture: richiedono un grande impegno digestivo, determinando un antipatico innalzamento della temperatura corporea, affaticamento gastrico e ritenzione idrica.

Saluta quindi arrosti, brasati e cotture in umido, ma anche i legumi secchi e i cereali come farro decorticato, segale o riso integrale: potrai tornare a consumarli tranquillamente in autunno!

Dai spazio a orzo e farro perlati, riso semi-integrale, grano saraceno e quinoa; come legumi privilegia i piselli freschi, le fave e, verso agosto, i primi fagioli in baccello. Abbonda con la verdura cruda, e, se proprio la desideri cotta, scegli la cottura al vapore.

 

Pagine: 1 2
Redazione Lunastorta
Alimentazione e sport: gli abbinamenti per un fisico tonico e scolpito

Alimentazione ed attività fisica, se integrati, contribuiscono al raggiungimento di una forma fisica perfetta. Per diminuire il grasso in eccesso, di migliorare la propria composizione corporea, occorre eliminare le fonti di zuccheri raffinati. È importante avere un buon apporto proteico cercando di assumere proteine da fonti animali e vegetali, bere molto, almeno 2-3 litri di […]

Brufoli e acne pre-mestruale: quando e cosa mangiare per alleviare il disturbo

Nei giorni immediatamente precedenti all’arrivo delle mestruazioni gli ormoni androgeni producono una iperstimolazione delle ghiandole sebacee e dei follicoli piliferi, presenti a livello del volto, tale da determinare un aumento dell’acne o la fuoriuscita di brufoli. Anche lo stress aumenta questo disturbo. È consigliabile quindi, nella settimana precedente all’arrivo delle mestruazioni, preferire cibi a basso […]

Il servizio di domande alle dottoresse non è attivo durante il week end e festivi, nel frattempo puoi consultare le altre domande e risposte in questa sezione